Meglio i clienti diretti o le agenzie?

Uno degli aspetti più belli della libera professione è, come dice la parola stessa, il fatto che è libera, ovvero ognuno può lavorare con chi vuole e costruirsi il proprio portafoglio clienti in base alle proprie preferenze e attitudini.

Per un interprete che lavora come libero professionista oltre al passaparola tra colleghi ci sono due tipologie principali di clienti: i clienti diretti (aziende, professionisti di altri settori, privati) e le agenzie di traduzione. In questo post vorrei soffermarmi sui vantaggi e gli svantaggi di lavorare con ciascuna delle due categorie.

Le agenzie di traduzione

Le agenzie sono tradizionalmente il primo approdo di un interprete quando inizia a muovere i primi passi nella professione. La motivazione è semplice: l’agenzia si assume una parte del lavoro e delle responsabilità che altrimenti dovrebbe sobbarcarsi interamente l’interprete, ad esempio:

  • svolge attività di marketing per trovare o essere trovata dal cliente
  • gestisce tutte le fasi del negoziato in merito alle condizioni contrattuali
  • si occupa dell’organizzazione dei dettagli tecnici (noleggio della cabina, contatti con i tecnici, ecc…)
  • sollecita il cliente per l’invio delle informazioni
  • è responsabile del reclutamento degli interpreti (che in caso di eventi plurilingue può rivelarsi complesso)
  • gestisce eventuali problemi durante lo svolgimento dei lavori
  • risponde della remunerazione dell’interprete

A fronte di tutti questi vantaggi, ovviamente ce n’è uno, anche abbastanza rilevante: le agenzie trattengono una commissione di entità più o meno rilevante.

I clienti diretti

Viceversa, gli svantaggi di quando lavoriamo con clienti diretti consistono nel fatto che dobbiamo dedicare parte del nostro tempo e delle nostre energie alle attività elencate sopra. Ecco invece i vantaggi:

  • non dobbiamo cedere una parte del nostro compenso ad un’agenzia
  • è nostra la scelta di quali colleghi coinvolgere
  • abbiamo un margine di manovra totale nella negoziazione delle condizioni contrattuali
  • ma soprattutto: possiamo fidelizzare il nostro cliente e costruire un rapporto lavorativo consolidato che in alcuni casi trasforma il nostro ruolo da mero fornitore di servizi una tantum a consulente a tutto tondo

Sulla base di queste valutazioni, a questo punto dovrei forse dare una risposta alla domanda nel titolo, ma la mia risposta è, come in molti casi, dipende. Dal mio punto di vista dipende dalle persone con cui si ha a che fare. Forse l’ideale è avere un giusto mix fatto di clienti diretti consapevoli del lavoro dell’interprete e di agenzie serie con personale preparato. E voi, preferite lavorare con clienti diretti o con agenzie?

Interpretazione simultanea: i benefici del lavoro di squadra

Anche se dall’esterno potrebbe sembrare che il nostro sia un lavoro da lupi solitari (mezz’ora io – cambio turno – mezz’ora tu, e così via), durante un incarico di interpretazione simultanea (in gergo “quando lavoriamo in cabina”), uno dei fattori che contribuiscono maggiormente al successo del servizio è l’intesa con il/la collega.

Prima del convegno

Una buona collaborazione comincia dalla fase preparatoria. Prima del convegno è sempre molto utile condividere con il/la collega le informazioni, i documenti e i glossari che utilizziamo per prepararci. Lo scambio è abbastanza semplice e spontaneo quando lavoriamo con qualcuno che già conosciamo, ma è un ottimo punto di partenza anche quando lavoriamo con un(a) collega per la prima volta, anche perché diventa l’occasione per rompere il ghiaccio e partire da subito col piede giusto.

Durante il convegno

Avere una buona intesa con il/la collega permette di risolvere e addirittura prevenire eventuali problemi. Ad esempio, è molto comune aiutare il/la collega scrivendo su un foglio di carta posizionato al centro del tavolo elementi  particolarmente ostici del discorso (numeri, nomi di relatori, sigle, liste di Paesi, termini potenzialmente difficili. ecc.) in modo tale che il/la collega possa averli a disposizione in caso di dubbio o se non li avesse sentiti.

Una buona intesa è importante anche per riuscire a fare il cambio del turno di parola in maniera fluida e senza lasciare “buchi”. Quando è possibile, si cerca di far corrispondere il cambio turno degli interpreti con il cambio di oratore, ma se un discorso diventa eccessivamente lungo, è opportuno chiedere il cambio al(la) collega, che deve essere pronto/a a cogliere la richiesta. Ovviamente queste comunicazioni di servizio avvengono nella maggior parte dei casi con il linguaggio non verbale perché abbiamo il microfono aperto, quindi è fondamentale sviluppare la capacità di capirsi al volo.

Fare un lavoro di squadra vuole anche dire fare fronte comune in caso di imprevisti. Ad esempio: se il cliente ci chiede di registrare la nostra interpretazione o di lavorare due ore in più senza modificare le condizioni contrattuali è bene elaborare una strategia comune e rispondere al cliente in maniera univoca.

Un ultimo beneficio, ma non per questo meno importante: stabilire una buona collaborazione con il/la collega ci permette di lavorare in maniera molto più piacevole e senza inutili tensioni che andrebbero per forza di cose a influire negativamente sulla nostra resa, oltre che sul nostro umore.

Sia chiaro: ci saranno sempre colleghi/e più simpatici/he di altri/e, ma credo che sia sempre importante sforzarsi di fare sempre un lavoro di squadra perché interpretare non è una gara a chi fa la prestazione migliore. Non siamo stati reclutati per far vedere quanto siamo bravi, ma per far capire a chi ci ascolta quello che dicono i relatori.

A proposito di collaborazione in cabina, vi lascio con un video molto divertente realizzato qualche anno dalla DG Interpretazione della Commissione europea che mostra esattamente quello che NON bisogna fare in cabina se non vogliamo far impazzire il nostro collega 🙂

Il film slovacco “The Teacher”

Il 7 settembre è uscito in nelle sale italiane il film slovacco The Teacher: una lezione da non dimenticare, del regista Jan Hřebejk. La storia, ambientata nel 1983 in una Bratislava ancora sotto forte influenza sovietica, ha come protagonista una maestra che sfrutta la sua posizione di potere per trarre vantaggi personali, concedendo voti generosi agli studenti in cambio di favori da parte dei loro genitori.

Al di là della vicenda, che non può lasciare nessuno spettatore indifferente, soprattutto pensando al fatto che è ispirata a fatti veri, quello che ho apprezzato di più del film è la rappresentazione del clima di quegli anni. Ovviamente, per ragioni anagrafiche e geografiche, non ho un’esperienza personale della vita nella Cecoslovacchia degli anni ’80, ma mi è capitato molte volte di sentire racconti di chi ha vissuto quel periodo, in cui per molti regnava il costante sospetto e la paura di ritorsioni per qualsiasi azione “non conforme”, una fase storica forse ancora non del tutto metabolizzata dalla società slovacca. Lo stile del film ricorda un po’ quello adottato da Michaela Sebokova inDal diario di una piccola comunista: racconta la grande Storia attraverso una piccola storia, forse meglio di molti documentari.

C’è un’unica cosa che non mi convince: il titolo della versione italiana. Il titolo originale del film è Učiteľka, tradotto letteralmente “la maestra”, “l’insegnante” o al limite “la professoressa”. Data l’età approssimativa degli studenti io avrei optato per “La maestra”. Per quale motivo tradurlo in inglese e per di più aggiungere di sana pianta un sottotitolo (a mio avviso) totalmente fuorviante? Non so a voi, ma “Una lezione da non dimenticare” in me evoca atmosfere allegre e gioiose, mentre invece il film, pur regalando molti momenti divertenti, è fatto principalmente di tinte fosche.

Ecco qui il trailer doppiato in italiano:

 

E in slovacco con i sottotitoli in inglese per i puristi 🙂

Foto locandina: My Movies

Le interiezioni in slovacco

Le interiezioni, o esclamazioni, sono una delle parti del discorso e sono utilizzate per esprimere emozioni o stati soggettivi (qui la definizione completa del dizionario Treccani). In pratica sono quelle paroline che ci escono spontaneamente di bocca quando siamo sorpresi o scossi per qualcosa, colorando il discorso.

Ogni lingua ha le sue interiezioni e nella mia esperienza sono uno di quegli elementi che si imparano di una lingua straniera unicamente quando la si vive nella sua quotidianità e autenticità. Le interiezioni sono un tema così interessante che spesso sono oggetto di tesi di laurea o dottorato, ma in questo breve post mi limiterò a fare un piccolo elenco di quelle usate più comunemente dai parlanti di slovacco, cercando di spiegarne il significato, senza alcuna pretesa di studio scientifico.

Ach: viene utilizzato quando si apprende una notizia negativa. Ad esempio: “Ach, ho perso il treno!”. Ricorda un po’ il nostro “caspita” o “diamine”.

Ježiš Mária / Pre Boha / Bože môj: letteralmente “Gesù Maria” / “Per Dio” / “Dio mio”, sono utilizzate per esprimere sorpresa, solitamente per eventi negativi, come quando noi diciamo “Dio mio”. Esempio: “Pre Boha, perché hai un occhio nero?!”

Jaj / joj: interiezione usata quando ci si rende conto di aver avuto o dato un’informazione scorretta, come “ah, d’accordo” / “ah, giusto”. Ad esempio: “Vieni alle 3, giusto?”. “No, alle 2.30”. “Jaj! Ok, vengo a prenderti”.

Fuj: assomiglia un po’ al nostro “uffff!” quando siamo negativamente colpiti o anche disgustati da qualcosa. Ad esempio: “Fuj, che caldo che fa oggi, non si respira!”. Qui un’illustrazione.

Aha: si usa per esprimere una piacevole sorpresa, come quando diciamo “Oh, che bene!”. Esempio: “Aha, sta già arrivando l’autobus”.

Fíha!: la mia esclamazione slovacca preferita 🙂 Viene utilizzata quando si apprende qualcosa di notevolmente positivo, come quando noi diciamo “wow!” . Ad esempio: “Mia nonna mi ha regalato per Natale una Ferrari”. “Fíha! Che regalone!”.

5 stereotipi sugli interpreti

Il mondo degli interpreti è molto piccolo e paradossalmente, anche se la nostra professione ci porta tutti i giorni in mezzo alla gente, chi è fuori dal nostro settore a volte si fa idee scorrette su di noi. Negli anni mi sono imbattuta in alcune di queste idee, che a furia di essere ripetute, in alcuni casi sono diventate stereotipi. Eccone alcuni.

1. Qualsiasi bilingue può fare l’interprete

Per fare l’interprete conoscere almeno due lingue è sicuramente una condizione fondamentale, ma non sufficiente. Occorre anche avere molte altre conoscenze e competenze. Una fra tutti: bisogna studiare e padroneggiare le tecniche di interpretazione simultanea, consecutiva e di trattativa. Un bilingue parte sicuramente avvantaggiato sul fronte della competenza linguistica, ma in tutti gli altri aspetti deve faticare come tutti gli altri. Aggiungo anche che i bilingui possono persino essere svantaggiati, perché per loro la tentazione di trasportare direttamente e scorrettamente la struttura di una lingua in un’altra è più forte rispetto ai non bilingui.

2. Gli interpreti sono primedonne

Non ci nascondiamo dietro un dito: alcuni interpreti possono effettivamente sembrare un po’ primedonne. Nel nostro lavoro non è insolito incontrare scrittori, attori, politici e gente “importante” e capita di lavorare su palcoscenici di teatri prestigiosi, alla radio o in televisione. In queste situazioni può accadere che l’adrenalina ci faccia dimenticare per qualche istante che siamo lì solo per riportare il messaggio di qualcun altro e che le luci della ribalta non illuminano noi, ma la persona che accompagnamo, ma è molto importante tornare subito con i piedi per terra. Personalmente posso dire che i colleghi che stimo di più e che reputo più capaci sono invece persone molto discrete e tutt’altro che primedonne.

3. Gli interpreti si lamentano sempre

Interpretare è un’attività molto impegnativa dal punto di vista cognitivo e per svolgerla al meglio è fondamentale lavorare in condizioni adeguate. Ad esempio, se gli oratori parlano/leggono troppo velocemente o troppo lontano dal microfono, se in cuffia si sentono strani fruscii o se non si riesce a vedere l’oratore si fa molta più fatica a lavorare bene. In queste situazioni credo che non ci sia niente di male se un interprete chiede educatamente se è possibile eliminare o quantomeno ridurre questi fattori di disturbo proprio negli interessi del cliente: lo fa per offrire un servizio migliore possibile e non per il piacere di lamentarsi.

4. Gli interpreti sono degli squali

Anche in questo caso purtroppo c’è un fondo di verità. Come dicevo prima, il nostro mondo è molto piccolo e alcuni interpreti non si fanno molti problemi a fare le scarpe a colleghi per accaparrarsi un cliente. La buona notizia però è che, essendo appunto un mondo molto piccolo, prima o poi viene tutto a galla, quindi è bene non perdere di vista l’etica professionale e comportarsi in maniera corretta con tutti, clienti e colleghi, altrimenti il mercato non esiterà a tagliarci fuori. In sostanza: alcuni squali ci sono, ma hanno vita breve.

5. Gli interpreti costano troppo

In questo caso è fin troppo facile fornire argomentazioni per scardinare questo stereotipo. In Italia gli interpreti non hanno né un albo professionale, né una cassa e pagano i contributi alla cosiddetta gestione separata, come altre categorie professionali. Senza entrare troppo nei dettagli fiscali, semplifico dicendo che quasi la metà del compenso totale corrisposto dal cliente o dall’agenzia si volatilizza sottoforma di contributi INPS, ritenuta d’acconto e IVA (ad eccezione di alcuni regimi fiscali particolari). Inoltre, c’è da considerare che un interprete libero professionista lavora su base giornaliera e il numero delle giornate varia molto. Tipicamente all’inizio del percorso professionale le giornate sono molto poche e in alcuni periodi dell’anno non ci sono convegni (ad esempio agosto è quasi sempre vuoto). Ultimo punto da tenere in considerazione: la tariffa copre idealmente non solo la giornata di lavoro in sé, ma anche il tempo necessario alla preparazione.

 

 

Attenzione: video in cabina!

Nel post di oggi vorrei affrontare una questione pratica con cui mi è capitato di confrontarmi più volte nelle ultime settimane: come deve comportarsi l’interprete se durante una conferenza che sta traducendo in simultanea viene proiettato un video? Deve tradurne i contenuti o no?

Come gran parte delle domande più importanti della vita, la risposta più corretta secondo me è: dipende. Gli scenari possibili sono molti.

Partiamo dalla peggiore delle ipotesi. Nel bel mezzo di un intervento viene lanciato un video senza che nessuno ci abbia avvertito in anticipo. Se siamo particolarmente sfortunati, magari in cabina non c’è neanche un monitor da cui vedere il video e, se gli astri hanno deciso che quel giorno ci deve andare proprio tutto male, l’audio del filmato non ci arriva direttamente in cuffia e riusciamo a sentire solo una parola su tre.

In queste condizioni è evidente che è assolutamente impossibile fornire una traduzione, quindi è bene non farlo, avvertendo il pubblico del problema.

Passiamo invece all’estremo opposto: diciamo che è la nostra giornata fortunata e l’organizzatore non solo ci ha avvertito che sarà proiettato un video, ma ce l’ha anche mandato in anticipo! Se vogliamo proprio esagerare, possiamo persino spingerci anche a immaginare che il video abbia anche i sottotitoli (lusso!). In questo caso, siamo nelle condizioni di poter effettivamente offrire un servizio e credo sia sensato tradurre il video.

In mezzo a questi due estremi, ovviamente c’è un’ampia zona grigia nella quale l’interprete è chiamato a districarsi per prendere una decisione in pochi secondi: è più importante cercare di trasmettere le informazioni del video al pubblico oppure tutelarsi, evitando di fare un possibile salto nel buio?

La buona notizia è che esiste una terza via. L’interprete può avvertire il pubblico del fatto che non è nelle condizioni di assicurare una traduzione perfetta, ma che può comunque tentare di riassumere i contenuti generali del video. In questo modo il pubblico riceve informazioni, seppur per sommi capi, e l’interprete può tutelarsi.

Vi è mai capitata una situazione di questo tipo? Come l’avete gestita o la gestireste?

Quando è meglio rifiutare un incarico di interpretazione?

Uno degli aspetti più affascinanti, ma allo stesso tempo più complicati del lavoro dell’interprete e del traduttore è che veniamo costamente messi di fronte ai nostri limiti. Ci sono delle situazioni in cui riusciamo a fare quel salto di qualità che ci permette di superarli, ma ci sono anche delle situazioni in cui è chiaro che un determinato incarico non è (ancora) alla nostra portata.

In quei casi una buona opzione può essere rifiutare l’incarico e proporre al nostro cliente/all’agenzia il nominativo di un collega che riteniamo adatto al ruolo. In questo post vorrei elencare alcune situazioni in cui a mio avviso è più saggio rifiutare un incarico di interpretazione.

  1. Quando il tema ci è totalmente alieno e non abbiamo tempo sufficiente per prepararci. Esempio: oggi mi chiama una collega che ha l’influenza e chiede se posso sostituirla per una simultanea sui trapianti del rene che si svolge domani e io non ho mai fatto un convegno di medicina. E’ evidente che in una circostanza di questo tipo non sarei nella posizione di fare un buon lavoro, quindi è più saggio rifiutare. In questo modo eviterò di fare un disservizio al pubblico, di rimediare una cattiva figura con il committente e di perdere credibilità anche agli occhi della collega che mi aveva segnalato.
  2. Quando non ci sentiamo sicuri della lingua. Esempio: ho da poco aggiunto il greco come nuova lingua e per il momento la uso solo come lingua C (ossia traduco solo DA e non VERSO quella lingua). Un cliente mi chiede se sono disponibile per una simultanea VERSO il greco. Improvvisare la competenza attiva di una lingua non è un’idea brillante, perché verrei messa in difficoltà dopo nemmeno 5 minuti di convegno. Ne vale la pena? Per i motivi del punto precedente secondo me no.
  3. Quando non abbiamo familiarità con una determinata tecnica di interpretazione. Esempio (in questo caso reale): un amico traduttore che vive negli Stati Uniti qualche anno fa ha ricevuto un’offerta da parte di un’importante emittente televisiva americana che gli chiedeva di interpretare in simultanea in diretta televisiva il discorso di Papa Francesco dopo l’annuncio della sua elezione. Lui non aveva mai fatto simultanea e giustamente ha rifiutato un incarico così impegnativo perché il rischio di rimediare una figuraccia di fronte a un pubblico così folto era abbastanza concreto (anzi, praticamente certo).

Una precisazione necessaria: è impossibile fare in anticipo una stima accurata della difficoltà di un incarico di interpretazione. Quante volte ci siamo sentiti dire da un’agenzia che quel lavoro sarebbe stata “una passeggiata” per poi ritrovarci con relatori che andavano a  100 km/h o che tiravano fuori a sorpresa il bilancio come un coniglio dal cilindro? Ogni incarico implica una certa dose di imprevisti e saremo sempre chiamati a “buttarci”, ma è importante sviluppare la capacità di prevedere se ci attende un rischio calcolato oppure una catastrofe.

Le parole sono importanti!

Vi è mai capitato di essere accusati da qualcuno di essere troppo puntigliosi nell’uso delle parole? A me continuamente. Di solito succede quando sento uno degli innumerevoli e inutili anglicismi tanto usati nel nostro Paese. Dato che ormai il fenomeno ha assunto proporzioni esagerate, ho deciso di ribellarmi e cerco di boicottarli il più possibile, persino i più apparentemente innocenti. Ad esempio, non ricordo quand’è stata l’ultima volta che ho detto una frase tipo: “Allora, che cosa fai questo week-end?”. Dalla mia bocca uscirà sempre e solo: “Allora, che cosa fai questo fine settimana?”

Un’altra situazione in cui spesso vengo tacciata di puntigliosità è quando vengono usate indistintamente le parole traduzione e interpretazione. Esempio tipico: “Per questo convegno avrei bisogno della traduzione consecutiva“. E’ normale e comprensibile che non tutti conoscano la differenza tra i due concetti, ma se dopo averla spiegata la reazione è: “Vabbè, non cambia niente” allora non va bene.

Ebbene, dopo anni di riflessione (non esageriamo!) sono arrivata alla conclusione che quando ci troviamo in questo tipo di situazioni e avvertiamo un imminente attacco di “precisinite” esistono due reazioni possibili, che vorrei sottoporre ai lettori di questo blog.

Reazione accesa:

 

Reazione pacata:

 

In quale vi riconoscete di più?

6 dritte per andare d’amore e d’accordo col tecnico audio

Sembra quasi un paradosso, ma un interprete può dirsi soddisfatto quando il pubblico finisce quasi per dimenticare la sua presenza perché fila tutto liscio e la comunicazione avviene in maniera efficace. In queste situazioni, pur contribuendo all’evento in maniera sostanziale, l’interprete sembra invisibile, soprattutto durante l’interpretazione simultanea, perché lavorando in cabina è fuori dal campo visivo del pubblico.

Tuttavia, in ogni convegno c’è una persona ancora più invisibile dell’interprete senza la quale un evento multilingue non potrebbe svolgersi. Di chi si tratta? Aiutino: è la prima persona ad arrivare e l’ultima ad andarsene e se ci sono problemi diventa il capro espiatorio di tutti. Sto parlando del tecnico audio, l’angelo custode di ogni interprete. Il tecnico ha in mano il futuro di uno dei nostri strumenti di lavoro più importanti: le nostre orecchie. E’ grazie a lui se lavoriamo in condizioni acustiche perfette o, al contrario, se siamo costretti a tradurre con un fruscio perenne in cuffia (con conseguente mal di testa), quindi è bene non inimicarcelo.

La macrocategoria “tecnico” racchiude varie tipologie di individuo: si va dal nerd con gli occhialini, al rasta ricoperto di piercing e tatuaggi, dal diciottenne entusiasta, al sessantenne navigato, ma con queste sei dritte è possibile impostare da subito una collaborazione proficua per il bene di tutti (compreso quello delle nostre orecchie!).

  1. Prima cosa, fondamentale: appena arriviamo sul luogo dell’evento andiamo a salutare il tecnico e se ancora non lo conosciamo, presentiamoci.
  2. Se ci spiega come funziona l’impianto, anche se lo conosciamo perfettamente e lo abbiamo usato 100 volte, ascoltiamo la spiegazione ed evitiamo tassativamente frasi spocchiose del tipo: “Lo so già come funziona, sono una professionista!”.
  3. Chiediamo di fare una prova audio e se c’è qualcosa che non va comunichiamolo con calma ed educazione. Tra dire: “Sento un fruscio fastidiosissimo! Toglilo subito altrimenti qui non ci lavoro!” e “Ho l’impressione che ci sia un po’ di fruscio, per favore potresti controllare se è possibile toglierlo o per lo meno ridurlo?” c’è un abisso.
  4. Se mentre lavora il/la collega ci allontaniamo dalla cabina per prendere dell’acqua, chiediamo al tecnico se ha bisogno di qualcosa. Ricordiamoci che spesso i tecnici lavorano da soli e non possono allontanarsi durante il convegno.
  5. Durante la pausa pranzo invitiamo il tecnico al nostro tavolo: è probabile che non conoscerà nessuno.
  6. Alla fine del convegno ringraziamolo della sua collaborazione e scambiamoci i biglietti da visita: in futuro potrebbe capitare che un cliente ci chieda assistenza nell’organizzazione dei servizi audio o che un cliente chieda al tecnico il nominativo di un interprete e se si è trovato bene con noi probabilmente sarà più incline a fare il nostro nome.

In poche parole: se siamo gentili con il tecnico lui sarà più motivato a metterci nelle condizioni di lavorare al meglio.