Ha senso per un interprete avere una specializzazione?

Come ho spiegato molte volte in questo blog, per fare un buon lavoro un interprete deve essere un po’ tuttologo e avere la capacità di immergersi con rapidità e disinvoltura nei settori più disparati. Detto questo, anche se con una buona preparazione è possibile riuscire ad acquisire un’infarinatura dell’argomento di un convegno, questo non rende certamente l’interprete un vero esperto di quell’ambito.

Esempio: se mi preparo per un convegno sulla riproduzione delle api, anche se studio diligentemente per due settimane, certamente imparerò i fondamentali, ma non avrò mai la stessa preparazione di un apicoltore che da anni si dedica completamente a quella materia. E se invece l’interprete diventasse un vero e proprio esperto?

In generale ho l’impressione che la questione della specializzazione sia percepita diversamente nel campo della traduzione e dell’interpretazione. Praticamente tutti i traduttori hanno settori di specializzazione, mentre spesso gli interpreti passano con molta rapidità da una tematica all’altra, senza avere un vero e proprio campo di specializzazione. Questa differenza è dovuta soprattutto a ragioni che riguardano la diversa strutturazione del mercato, ciononostante credo che anche per un interprete avere una specializzazione possa essere una buona opzione per svariati motivi. Eccone alcuni.

Soddisfazione della propria curiosità

Solitamente la scelta della specializzazione è guidata dall’interesse personale. Nel mio caso la mia specializzazione principale è il vino, che è anche il mio hobby, e tutte le volte che mi capita di lavorare in questo settore ho l’occasione di accrescere le mie conoscenze in un ambito che mi interessa.

Possibilità di mettere a frutto esperienze lavorative pregresse

Alcuni colleghi sono approdati alla professione dell’interprete dopo aver lavorato in altri ambiti. Se ad esempio un interprete ha lavorato per alcuni anni come chimico, potrebbe essere un’ottima idea proporsi per convegni di quel settore.

Vantaggio competitivo nei confronti di colleghi non specializzati

Riallacciandomi ai due punti precedenti, ne consegue che chi si presenta a un cliente di un determinato settore come interprete con in più un profilo di “esperto” nel suo stesso ambito, avrà molte più possibilità di ottenere quell’incarico rispetto ad un altro collega interprete che non ha mai familiarizzato con quell’argomento.

Ottimizzazione dei tempi della preparazione

Con una preparazione adeguata è sicuramente possibile per un interprete fare un buon lavoro in un settore molto specifico anche senza avere il profilo di un esperto. Tuttavia, possedere delle competenze già in partenza semplifica di molto la preparazione. Esempio reale: la prima volta che ho lavorato ad un convegno medico ho dovuto studiare per settimane perché la medicina non era la mia specializzazione, dunque sono dovuta partire dai fondamentali. Al contrario, chi conosce già il settore perché ha una laurea in medicina, un interesse personale o ha lavorato molte volte come interprete in convegni medici si sarebbe preparato per lo stesso convegno in 3 giorni. E si sa: soprattutto per noi freelance il tempo è denaro.

Maggiore sicurezza

Quando si lavora in un settore di cui si ha una certa padronanza si percepisce una sensazione di maggiore comfort. E’ più raro che ci siano incomprensioni e si riesce a seguire il filo del discorso con meno fatica.

In conclusione, se non si fosse capito, la mia risposta alla domanda posta all’inizio di questo post è decisamente sì: avere una specializzazione per un interprete, pur non essendo obbligatorio come ormai lo è per un traduttore, è certamente un buon investimento.

Bonus: se qualcuno volesse mettere alla prova il proprio livello di specializzazione in un determinato ambito, suggerisco il Turing test di Chris Durban, segnalato da Corinne McKay: riuscite a tenere una conversazione di 10 minuti con un gruppo di esperti di quel settore sembrando uno di loro?

Ma lei è traduttrice certificata?

In questo post vorrei rispondere a una domanda che mi viene posta molto spesso da clienti italiani che hanno bisogno di far tradurre documenti da consegnare ad autorità straniere.

Facciamo un esempio concreto: Mario Rossi ha conseguito una laurea in un’università italiana e vuole partecipare a un bando per un dottorato di ricerca nel Regno Unito. L’università che ha indetto il bando gli chiede di allegare alla domanda di dottorato tutta una serie di documenti, come ad esempio il diploma di laurea e il piano di studi con gli esami sostenuti. Questi documenti sono ovviamente in italiano e, a meno che non possano essere rilasciati dall’università italiana direttamente in inglese, occorre tradurli in inglese.

A questo punto della storia la strada di Mario Rossi incrocia la mia: mi contatta e mi chiede di tradurre questi documenti, precisando che l’università britannica ha chiesto che i documenti vengano fatti tradurre da un traduttore certificato. Ecco quello che rispondo tipicamente a Mario Rossi.

In molti Paesi esiste la figura del traduttore certificato o giurato: i professionisti registrati come tali appongono in calce alla loro traduzione il loro timbro personale, ufficialmente registrato presso l’autorità competente, con cui certificano la fedeltà e l’accuratezza della traduzione.

In Italia, invece, non esiste un registro di traduttori certificati, né giurati. Esiste però la possibilità di ottenere traduzioni giurate, dette anche asseverate. Asseverare una traduzione vuol dire che il traduttore prepara un plico con il documento di partenza, la traduzione e un apposito modulo e giura davanti a un pubblico ufficiale (in Tribunale o dal Giudice di Pace) che la traduzione è fedele e accurata. Giurando e firmando il modulo di asseverazione, il traduttore si assume una responsabilità penale.

Una traduzione asseverata ha costi più alti rispetto a una traduzione standard, sia perché vanno aggiunte delle marche da bollo, sia perché, assumendo una responsabilità penale, nel preventivo il traduttore aggiunge ai costi di traduzione standard un extra.

Una volta illustrata questa differenza nei diversi sistemi nazionali, consiglio a Mario Rossi di chiedere all’autorità a cui andranno consegnate le traduzioni di riferire quanto spiegato e di verificare se ha dunque bisogno di una traduzione asseverata secondo il sistema italiano o se è sufficiente una traduzione standard.

Secondo la mia esperienza, a volte le autorità a cui sono destinate le traduzioni optano per soluzioni di compromesso come una semplice dichiarazione su carta semplice in cui come traduttrice dichiaro di aver tradotto i documenti in maniera accurata. In altri casi mi è stato chiesto di allegare un documento che attestasse il fatto che sono una traduttrice professionista, e in questo caso ho allegato la mia tessera di socia all’associazione professionale di interpreti e traduttori a cui sono iscritta.

Vale la pena entrare in un’associazione professionale?

Come promesso nel post precedente, oggi vorrei soffermarmi sul tema delle associazioni professionali per interpreti e traduttori. Diversamente dalla maggior parte dei post di questo blog che hanno per titolo una domanda, in questo caso la mia risposta non è “dipende”, ma è chiara e definitiva: assolutamente sì, entrare in un’associazione professionale è un’ottima idea perché i benefici offerti dall’affiliazione superano di gran lunga il costo della tessera annuale.

Premessa: io sono socio aggregato di AITI, ma tutto quello che scriverò in questo post vale anche per le altre associazioni professionali per interpreti e traduttori, che in Italia, oltre alla già citata AITI, sono AIICAssoInterpretiANITI e TradInfo, a cui va aggiunta anche ACTA, il sindacato dei freelance.

Un bel biglietto da visita

Come già spiegato molte volte, non essendoci in Italia un albo per interpreti e traduttori, chiunque può teoricamente definirsi tale senza alcuna necessità di dimostrarne le competenze. Essere membri di un’associazione professionale è un modo per far capire ai nostri potenziali clienti che non siamo chiunque, ma in quanto membri di un’associazione riconosciuta, abbiamo certificato di possedere le qualifiche per poter esercitare la professione in modo serio.

Uscire dall’isolamento

Agli interpreti, ma in misura ancora maggiore ai traduttori, può capitare di sentirsi isolati. Nella nostra realtà quotidiana passiamo molte ore della giornata seduti davanti al PC a tradurre, prepararci a conferenze oppure in cabina. Questa solitudine può farci perdere un po’ il contatto con la realtà e indurci a pensare che la problematica che stiamo affrontando con un cliente sia capitata solo e unicamente a noi, facendoci sentire ancora più frustrati. Essere membri di un’associazione dà la possibilità di avere un confronto con altri colleghi e capire che la situazione che stiamo vivendo è stata già vissuta da qualcun altro (e magari possiamo persino rimediare un ottimo consiglio!).

L’unione fa la forza

Lavorando sul mercato come “battitori liberi”, come la maggior parte dei freelance, interpreti e traduttori non hanno la possibilità di far sentire singolarmente la propria voce in ambiti cruciali come la fiscalità o la previdenza sociale. Riuniti in un’associazione, invece, possiamo fare proposte o reagire ad esse in maniera molto più incisiva.

Formazione professionale continua

Come spiegato in un post di qualche settimana fa, l’arricchimento e aggiornamento continuo delle competenze professionali è un requisito imprescindibile per un buon interprete e traduttore. Essere membri di un’associazione professionale dà la possibilità di accedere a una vasta gamma di seminari di formazione (sia webinar che in presenza) che spaziano dalla traduzione in ambito medico, alla scrittura creativa, alla fattura elettronica… insomma: ce n’è davvero per tutti i gusti. Aggiungo inoltre che per i membri a pieno titolo delle associazioni professionali la formazione professionale continua non è solo un diritto, ma anche un dovere, sussistendo l’obbligo di raccogliere un certo numero di crediti formativi ai fini del mantenimento dell’affiliazione.

Sconti e convenzioni

Un altro beneficio “allettante” derivante dall’appartenenza a un’associazione professionale è la possibilità di usufruire di sconti e convenzioni di varia natura. Ecco alcuni esempi: sconti sui costi di iscrizione a seminari, webinar ed eventi di networking, sconti sull’acquisto di testi e CAT tools, convenzioni con professionisti (commercialista, consulente legale, ecc), sconti su assicurazioni professionali.

Presenza sull’annuario

I membri di un’associazione professionale sono presenti sul sito web della propria associazione, con un profilo che generalmente indica combinazione linguistica, indirizzo email e numero di telefono. Anche se questo non implica automaticamente che la nostra presenza in annuario faccia esplodere il numero dei nostri clienti, può capitare di essere contattati da qualcuno che ha cercato un professionista sul sito della nostra associazione.

Networking

Essere membro di un’associazione e partecipare attivamente alle sue attività offre la preziosa opportunità di incontrare molti colleghi. Dato che il nostro lavoro si basa moltissimo sul passaparola, non è così raro che all’interno della cerchia degli associati qualcuno dei colleghi sia alla ricerca di un interprete o di un traduttore con la nostra combinazione linguistica, o viceversa, può capitare anche a noi di aver bisogno di un collega con una combinazione diversa dalla nostra o in grado di revisionare un nostro testo in una lingua straniera.

Ridiamoci su

Infine, e questa è la mia parte preferita, essere membro di un’associazione vuole anche dire ritagliarci di tanto in tanto un pomeriggio libero per andare a prendere un sano e disimpegnato aperitivo con colleghi simpatici per stare per qualche ora lontani dal PC, non pensare alle fatture e magari farci quattro risate raccontando della nostra ultima gaffe con un cliente.

Meglio i clienti diretti o le agenzie?

Uno degli aspetti più belli della libera professione è, come dice la parola stessa, il fatto che è libera, ovvero ognuno può lavorare con chi vuole e costruirsi il proprio portafoglio clienti in base alle proprie preferenze e attitudini.

Per un interprete che lavora come libero professionista oltre al passaparola tra colleghi ci sono due tipologie principali di clienti: i clienti diretti (aziende, professionisti di altri settori, privati) e le agenzie di traduzione. In questo post vorrei soffermarmi sui vantaggi e gli svantaggi di lavorare con ciascuna delle due categorie.

Le agenzie di traduzione

Le agenzie sono tradizionalmente il primo approdo di un interprete quando inizia a muovere i primi passi nella professione. La motivazione è semplice: l’agenzia si assume una parte del lavoro e delle responsabilità che altrimenti dovrebbe sobbarcarsi interamente l’interprete, ad esempio:

  • svolge attività di marketing per trovare o essere trovata dal cliente
  • gestisce tutte le fasi del negoziato in merito alle condizioni contrattuali
  • si occupa dell’organizzazione dei dettagli tecnici (noleggio della cabina, contatti con i tecnici, ecc…)
  • sollecita il cliente per l’invio delle informazioni
  • è responsabile del reclutamento degli interpreti (che in caso di eventi plurilingue può rivelarsi complesso)
  • gestisce eventuali problemi durante lo svolgimento dei lavori
  • risponde della remunerazione dell’interprete

A fronte di tutti questi vantaggi, ovviamente ce n’è uno, anche abbastanza rilevante: le agenzie trattengono una commissione di entità più o meno rilevante.

I clienti diretti

Viceversa, gli svantaggi di quando lavoriamo con clienti diretti consistono nel fatto che dobbiamo dedicare parte del nostro tempo e delle nostre energie alle attività elencate sopra. Ecco invece i vantaggi:

  • non dobbiamo cedere una parte del nostro compenso ad un’agenzia
  • è nostra la scelta di quali colleghi coinvolgere
  • abbiamo un margine di manovra totale nella negoziazione delle condizioni contrattuali
  • ma soprattutto: possiamo fidelizzare il nostro cliente e costruire un rapporto lavorativo consolidato che in alcuni casi trasforma il nostro ruolo da mero fornitore di servizi una tantum a consulente a tutto tondo

Sulla base di queste valutazioni, a questo punto dovrei forse dare una risposta alla domanda nel titolo, ma la mia risposta è, come in molti casi, dipende. Dal mio punto di vista dipende dalle persone con cui si ha a che fare. Forse l’ideale è avere un giusto mix fatto di clienti diretti consapevoli del lavoro dell’interprete e di agenzie serie con personale preparato. E voi, preferite lavorare con clienti diretti o con agenzie?

La prova di traduzione: favorevoli o contrari?

Il primo post di quest’anno riguarda una questione abbastanza controversa per i traduttori: la prova di traduzione. La prova di traduzione consiste in un breve testo che a volte le agenzie inviano ad un traduttore con cui non hanno ancora lavorato per testare le sue competenze in vista di un potenziale incarico o al fine di inserirlo nel proprio database di traduttori. Una volta ricevuto il testo, il traduttore svolge la traduzione (senza compenso) e la invia all’agenzia, che la valuta e comunica al traduttore la sua risposta.

Le ragioni del no

Come dicevo prima è una questione un po’ controversa perché alcuni traduttori sono contrari al concetto stesso di prova di traduzione. La loro posizione è questa: se quando abbiamo bisogno di una consulenza medica nessuno di noi si sognerebbe mai di chiedere ad un medico una “prova di visita medica gratuita”, perché invece la stessa richiesta è considerata legittima quando parliamo di un traduttore? Non si tratta in entrambi i casi di servizi professionali in cui il committente è tenuto a dare fiducia al professionista?

Inoltre, se ciascun potenziale cliente (agenzie e clienti privati) chiedesse ad un traduttore una prova di traduzione gratuita, il traduttore finirebbe per lavorare senza compenso per una parte significativa della sua giornata.

Infine, non è detto che chi valuta la prova di traduzione abbia le compentenze per giudicarla in maniera adeguata, e in ogni caso, la traduzione non è una scienza esatta e a volte il confine tra stile personale ed errore oggettivo non è molto netto.

Le ragioni del sì

Pur comprendendo in parte le ragioni dei detrattori della prova di traduzione, personalmente non sono infastidita se un’agenzia che ancora non mi conosce mi chiede di fare una piccola prova, soprattutto se l’agenzia in questione è italiana: in Italia purtroppo per lavorare come interprete o traduttore non occorre avere nessun requisito e non è raro imbattersi in persone che dall’oggi al domani si improvvisano traduttori senza avere la minima idea di cosa significhi tradurre. Considerata questa anarchia, una prova di traduzione ha il vantaggio di separare immediatamente un traduttore professionista da un dilettante, e secondo me questo è positivo sia per il committente che per il traduttore professionista.

Un altro motivo per cui non sono ostile alla prova di traduzione è che, oltre a permettere al committente di testare il traduttore, permette anche al traduttore di testare il potenziale committente. Anche noi traduttori possiamo scegliere con chi collaborare e se in fase di prova di traduzione ci rendiamo conto che quel determinato committente ha un modo di fare che non ci piace (modi bruschi, tempi di risposta lunghissimi, osservazioni sulla nostra traduzione irrilevanti) possiamo scegliere di non dare seguito alla collaborazione nascente.

Se sì, come?

Detto questo, pur essendo favorevole alla prova di traduzione, è fondamentale delimitarne i confini in maniera netta.

  1. Il testo della prova di traduzione deve essere breve (non oltre le 2 o 3 pagine): un testo di 15 pagine si chiama “lavoro gratis”, non prova di traduzione!
  2. Se il committente ritiene che la nostra prova di traduzione sia inadeguata è tenuto a spiegare in maniera dettagliata e puntuale le sue obiezioni in modo tale da darci la possibilità di motivare le nostre scelte.
  3. Se il committente ci chiede di svolgere una prova di traduzione, ci sta chiedendo una cortesia, quindi non è nella condizione di pretendere una consegna urgente.

E voi siete favorevoli o contrari alla prova di traduzione?

Interpretare una cerimonia nuziale

Questa settimana mi è capitato di fare da interprete in un contesto che ancora non avevo sperimentato: una cerimonia nuziale. E’ stata un’esperienza molto interessante e stimolante, sia dal punto di vista linguistico che da quello della gestione dell’interazione. Mi spiego meglio.

Dal punto di vista linguistico per interpretare un matrimonio (religioso) bisogna avere familiarità con i testi biblici, le preghiere e le formule utilizzate durante il rito in entrambe le lingue con cui stiamo lavorando. Non è un’impresa facile perché generalmente non usiamo la terminologia religiosa nella vita di tutti i giorni e perché la sintassi utilizzata nei testi sacri è generalmente più ampollosa di quella comune.

Però ci sono alcune buone notizie. La prima è che gran parte della cerimonia nuziale segue uno schema prevedibile (scambio degli anelli, eucarestia, Padre Nostro, ecc.), quindi possiamo preparaci in anticipo. La seconda buona notizia è che la Bibbia è il libro più venduto e tradotto al mondo, quindi abbiamo a disposizione una grandissima quantità di materiale da cui prendere tutto ciò che ci occorre praticamente in tutte le lingue del mondo.

C’è però una parte della messa che (almeno si spera) è unica per ogni cerimonia: l’omelia del sacerdote. Solitamente durante l’omelia vengono ripresi ed ampliati i concetti che sono stati introdotti durante la lettura del Vangelo, ma ogni sacerdote ha il suo estro, quindi è sempre utile saggiare il terreno e provare a chiedergli prima dell’inizio della cerimonia qualche anticipazione.

Dal punto di vista della gestione dell’interazione, la parte più impegnativa è svolgere il lavoro per cui siamo stati chiamati cercando di fare da terzo incomodo il meno possibile, compito molto arduo se, come nel mio caso, lavoriamo con la tecnica dello chuchotage o interpretazione sussurrata, che impone di essere a pochi centimetri dal committente. Non dobbiamo mai dimenticare che il matrimonio è una giornata unica per gli sposi e visto che non è il caso di comparire su tutte le fotografie, per non essere d’intralcio può essere utile fare qualche passo indietro quando non c’è bisogno di tradurre (ad esempio al momento dello scambio degli anelli).

Un altro compito che potremmo essere chiamati a svolgere è di natura più interculturale. In fatto di matrimoni le tradizioni variano moltissimo e potremmo dover intervenire per spiegare una certa tradizione agli ospiti stranieri che non stanno capendo cosa succede. Nel mio caso, lo sposo era americano e in quanto tale si aspettava di essere accompagnato all’altare dalla nonna, ma nel momento in cui stava per attraversare la navata insieme alla nonna si è reso conto che non c’era nessuno a guardarlo perché gli invitati (italiani, quindi ignari della tradizione che stava seguendo) erano tutti fuori ad aspettare l’arrivo della sposa, come da tradizione in Italia.

Per chi dovesse ritrovarsi alle prese con questo tipo di incarichi, ecco i miei consigli:

  • chiedere in anticipo agli sposi il libretto del matrimonio o comunque le letture e le formula scelte
  • concordare con gli sposi esattamente quali parti della cerimonia vogliono che traduciamo
  • verificare la pronuncia dei nomi che compaiono nei testi sacri (apostoli, libri della Bibbia, ecc) nella lingua straniera
  • sarebbe utile imparare a memoria le preghiere più comuni per evitare di leggere sempre dai nostri appunti durante la cerimonia
  • parlare col prete prima dell’inizio della cerimonia per chiedergli anticipazioni sull’omelia e per invitarlo a non parlare troppo velocemente
  • studiare la nostra postazione (sia per quando gli sposi sono seduti, sia quando sono in piedi)

Per chi volesse un po’ di materiale, ecco qualche link:

Infine, ecco il link al mio glossario ancora in divenire italiano-inglese con formule liturgiche relative al matrimonio e altri termini biblici.

Come riconoscere il “cliente perfetto”

Il 2015 finisce domani e, per chiudere in bellezza, oggi vorrei fare un tributo al “cliente perfetto”, a mo’ di rito propiziatorio per augurare a tutti i colleghi interpreti/traduttori e a me stessa di averne molti nel 2016. Il “cliente perfetto” è quella tipologia di committente in grado di risollevare le sorti della nostra giornata, anche quando abbiamo appena avuto i conteggi delle tasse dal commercialista o quando abbiamo passato la notte in bianco per consegnare una traduzione. Non è facile trovare il “cliente perfetto”, ma quando lo si trova, è bene coccolarlo e non lasciarlo scappare.

Ma come si riconosce questa specie in via di estinzione? Ecco i tratti che lo contraddistinguono in modo inequivocabile.

  1. Ti tratta come un professionista, ossia si affida a te perché sa che tu hai le competenze necessarie a fornire il servizio richiesto
  2. Risponde prontamente 
  3. Risponde educatamente
  4. Coopera, rispondendo alle tue domande o richieste di chiarimento (ad esempio rendendosi disponibile ad un briefing prima di un convegno)
  5. Fornisce le informazioni richieste (nel caso di convegni il programma dei lavori, eventuali presentazioni o relazioni di incontri precedenti)
  6. Ti assicura adeguate condizioni di lavoro (microfono, cuffie e cabina di qualità per interpretazioni e scadenze umane per le traduzioni)
  7. Ti paga il giusto (non cerca spasmodicamente di risparmiare fino all’ultimo centesimo possibile e riconosce il valore del tuo lavoro)
  8. Ti fornisce la terminologia tecnica quando ce l’ha
  9. Ti fornisce un riscontro: positivo, se ha apprezzato il tuo lavoro, o negativo (ma in questo caso motivato) per darti la possibilità di dare chiarimenti e/o migliorare
  10. E ovviamente, paga nei termini concordati

Auguro a tutti un 2016 pieno di “clienti perfetti” e di soddisfazioni personali e professionali!

 

Vincitore del concorso sulla miglior traduzione di “vodník”

Chi di voi segue questo blog probabilmente sarà in attesa di conoscere il nome del vincitore della gara di traduzione indetta lo scorso novembre. Dopo qualche giorno di meditazione dopo la fine del concorso, abbiamo finalmente il vincitore…

Vodník, slovacco

Immagine di Sensei-Mew http://fav.me/p22305441

… ma prima faccio un breve riassunto per chi non frequenta molto questo sito. Il concorso riguardava la miglior proposta di traduzione del termine slovacco vodník (un personaggio del folklore boemo, illustrazione a destra) in lingua italiana e si è concluso lo scorso 28 febbraio. Il premio in palio è una copia di “I racconti sul cagnolino e la gattina” di Josef Čapek, nella versione tradotta in italiano da Michaela Sebokova appena pubblicata.

Le proposte di traduzione arrivate sono state valutate da Michaela Sebokova, ideatrice del concorso, che con insindacabile giudizio ha decretato come traduzione vincente… (rullo di tamburi virtuale) … idrogoblin, proposta da Lituopadania! Congratulazioni!

Faccio i complimenti a tutti i partecipanti per la creatività dimostrata con le loro proposte di traduzione e ringrazio Michaela per la bellissima idea di indire questo concorso.

Chiedo gentilmente a Lituopadania di contattarmi in privato a info@emanuela-cardetta.com per comunicarmi l’indirizzo a cui inviare il premio.

Alla prossima!