Il valore aggiunto di un professionista

Qualche tempo fa ho avuto un grosso problema in casa: una perdita dalla colonna di scarico del bagno, un vero incubo! Senza pensarci due volte, la prima cosa che ho fatto è stato chiamare un idraulico consigliato da un conoscente, ossia un professionista del settore che probabilmente aveva già fatto il lavoro di cui avevo bisogno decine, se non centinaia di volte, e che infatti ha risolto rapidamente il mio problema.

Fare ricorso a un professionista per risolvere un problema potrebbe sembrare ovvio, ma in realtà non sempre è così. Spostandoci nel settore dell’interpretazione e della traduzione, infatti, non sempre si applica lo stesso ragionamento. Ho perso ormai il conto delle volte che mi sono sentita dire che per una traduzione o un’interpretazione si poteva fare a meno di professionista con affermazioni del tipo: “Mi arrangio da solo” oppure “Chiedo a mia nipote che questa estate ha fatto un corso in Inghilterra”.

In realtà soluzioni approssimative danno risultati ugualmente approssimativi, con conseguenze a volte disastrose. Io sono convinta del fatto che la preparazione e la professionalità abbiano ancora un valore aggiunto, che riassumerò in cinque punti.

Efficacia

E’ banale, ma non bisogna dimenticare che una traduzione amatoriale, fatta da una persona con una media conoscenza di una lingua straniera, non avrà mai la stessa efficacia di una traduzione realizzata da un traduttore professionista con anni di esperienza. Non mi stancherò mai di dirlo: per lavorare come interprete o traduttore conoscere una lingua straniera è fondamentale, ma non sufficiente: occorre tutto un bagaglio di conoscenze e competenze che non si possono improvvisare.

Tempi

Può essere divertente ogni tanto dilettarsi facendo cose che non si sono mai fatte prima, ma quando i tempi sono stretti, ad esempio se occorre la traduzione di un articolo da pubblicare su una rivista scientifica entro una settimana, non c’è tempo per fare esperimenti e nessuno è più veloce di un traduttore professionista.

Tranquillità

Affidarsi a un professionista di fiducia ci dà tranquillità e sicurezza: la nostra esigenza sarà soddisfatta da una persona con esperienza, quindi non dobbiamo più preoccuparcene o temere di aver fatto qualcosa di sbagliato.

Responsabilità

Nel momento in cui un professionista accetta un incarico, si impegna a svolgerlo nel migliore dei modi e a rimediare ad eventuali problemi. Nel mio esempio iniziale dell’idraulico, la mia colonna di scarico per qualche ragione che ignoro ha continuato ad avere qualche problema dopo il primo intervento, ma quando l’ho richiamato, l’idraulico è tornato e ha risolto, questa volta in maniera definitiva, il mio problema.

Risparmio

Sì, intendo proprio risparmio di denaro, perché una traduzione o un servizio di interpretazione approssimativo o sbagliato si traducono in una perdita di denaro. Un sito web aziendale con una traduzione raffazzonata comunicano un’immagine dell’azienda altrettanto raffazzonata, che probabilmente spingerà un potenziale cliente a cercare altrove.

E voi credete ancora nel valore aggiunto di un professionista? Preferite fare ricorso a un professionista o darvi al fai da te?

Certificarsi come interprete

Come ho già scritto molte volte su questo blog, in Italia purtroppo la professione dell’interprete, così come quella del traduttore, non è regolata da un albo professionale. Oltre a ricadute di natura fiscale e previdenziale non indifferenti, la diretta conseguenza di questo vuoto normativo è che di fatto chiunque può proporsi come interprete senza alcun bisogno di dimostrare di averne le qualifiche o le competenze.

Non è raro infatti che chi, per un motivo o per un altro, conosce due lingue ritenga automaticamente che questo basti per lavorare come interprete o traduttore: non è così perché, come cerco sempre di dimostrare in questo blog, sono necessarie molte altre competenze. Se è anche vero che ci pensano i clienti ed il mercato a fare una cernita tra un “interprete titolato” ed uno improvvisato, non è comunque piacevole non vedere riconosciuta la propria professionalità in modo tangibile.

In mancanza di un albo, esitono tuttavia percorsi alternativi che permettono a un interprete qualificato (e per qualificato intendo con una laurea inerente al campo dell’interpretazione e/o con una lunga esperienza nel settore) di certificare le sue competenze. Eccone alcuni.

Associazioni professionali

Per essere accettati in un’associazione professionale di interpreti occorre dimostrare di averne le qualifiche. Ecco perché farne parte, oltre a offrire tutta una serie di benefici di cui parlerò nel prossimo post, è per i nostri clienti una garanzia di professionalità. In Italia esistono diverse associazioni professionali di interpreti: le più importanti sono AIIC, AssoInterpreti, AITI, ANITI e TradInfo.

Camera di Commercio

Tutte le Camere di Commercio dispongono di liste di interpreti accreditati in quello che viene chiamato Ruolo di Periti ed esperti, categoria Interpreti e traduttori da cui, in teoria, potenziali clienti potrebbero attingere in caso di necessità. Anche se personalmente non ho mai ricevuto un incarico grazie alla mia iscrizione alla Camera di Commercio della mia zona, ritengo si tratti comunque di un accreditamento che mi dà credibilità nei confronti dei clienti. Chi fosse interessato troverà informazioni dettagliate sul sito della propria Camera di Commercio di competenza.

Tribunale

C’è anche la possibilità di registrarsi presso il Tribunale della propria zona di competenza. In questo caso la procedura è un po’ più complessa e ha come prerequisito l’iscrizione alla Camera di Commercio. Per fare domanda occorre presentare tutta una serie di documenti e pagare una quota una tantum. Esistono due registri separati: quello dei Consulenti tecnici che operano in ambito civile e quello dei Periti in ambito penale. Attenzione però: prima di fare questo passo bisogna riflettere a fondo perché rendersi disponibile a lavorare per il tribunale vuol dire accettarne le condizioni di incarico che potrebbero includere in alcuni casi lavorare in carcere, essere chiamati a orari improbabili e essere pagati in vacazioni con tempi non propriamente celeri.

Norma UNI 11591:2015

Da qualche anno esiste anche la certificazione Norma Uni 11591:2015 che ha il merito di definire in maniera molto precisa i diversi profili professionali di interpreti (distinti in Interprete di conferenza, Inteprete in ambito giuridico-giudiziario, Interprete in ambito socio-sanitario e Inteprete in ambito commerciale) e traduttori (con le diverse categorie di Traduttore tecnico-scientifico, Traduttore giuridico-giudiziario e Localizzatore). L’iter per accedere alla certificazione, che ha una durata di 5 anni, è diversificato per chi è già socio ordinario di un’associazione professionale riconosciuta. A questo link si trovano tutte le informazioni.

Istituzioni internazionali

Infine, un altro modo per attestare la propria professionalità consiste nel sostenere e superare esami di accreditamento presso le istituzioni internazionali (Unione Europea, ONU, NATO, ecc.). Ogni istituzione ha le sue specifiche regole di accesso in termini di profilo lingiustico, competenza ed esperienza, ma di certo ricevere il benestare di istituzioni così rilevanti aggiunge molto lustro al profilo professionale di un interprete.