Interpretare una cerimonia nuziale

Questa settimana mi è capitato di fare da interprete in un contesto che ancora non avevo sperimentato: una cerimonia nuziale. E’ stata un’esperienza molto interessante e stimolante, sia dal punto di vista linguistico che da quello della gestione dell’interazione. Mi spiego meglio.

Dal punto di vista linguistico per interpretare un matrimonio (religioso) bisogna avere familiarità con i testi biblici, le preghiere e le formule utilizzate durante il rito in entrambe le lingue con cui stiamo lavorando. Non è un’impresa facile perché generalmente non usiamo la terminologia religiosa nella vita di tutti i giorni e perché la sintassi utilizzata nei testi sacri è generalmente più ampollosa di quella comune.

Però ci sono alcune buone notizie. La prima è che gran parte della cerimonia nuziale segue uno schema prevedibile (scambio degli anelli, eucarestia, Padre Nostro, ecc.), quindi possiamo preparaci in anticipo. La seconda buona notizia è che la Bibbia è il libro più venduto e tradotto al mondo, quindi abbiamo a disposizione una grandissima quantità di materiale da cui prendere tutto ciò che ci occorre praticamente in tutte le lingue del mondo.

C’è però una parte della messa che (almeno si spera) è unica per ogni cerimonia: l’omelia del sacerdote. Solitamente durante l’omelia vengono ripresi ed ampliati i concetti che sono stati introdotti durante la lettura del Vangelo, ma ogni sacerdote ha il suo estro, quindi è sempre utile saggiare il terreno e provare a chiedergli prima dell’inizio della cerimonia qualche anticipazione.

Dal punto di vista della gestione dell’interazione, la parte più impegnativa è svolgere il lavoro per cui siamo stati chiamati cercando di fare da terzo incomodo il meno possibile, compito molto arduo se, come nel mio caso, lavoriamo con la tecnica dello chuchotage o interpretazione sussurrata, che impone di essere a pochi centimetri dal committente. Non dobbiamo mai dimenticare che il matrimonio è una giornata unica per gli sposi e visto che non è il caso di comparire su tutte le fotografie, per non essere d’intralcio può essere utile fare qualche passo indietro quando non c’è bisogno di tradurre (ad esempio al momento dello scambio degli anelli).

Un altro compito che potremmo essere chiamati a svolgere è di natura più interculturale. In fatto di matrimoni le tradizioni variano moltissimo e potremmo dover intervenire per spiegare una certa tradizione agli ospiti stranieri che non stanno capendo cosa succede. Nel mio caso, lo sposo era americano e in quanto tale si aspettava di essere accompagnato all’altare dalla nonna, ma nel momento in cui stava per attraversare la navata insieme alla nonna si è reso conto che non c’era nessuno a guardarlo perché gli invitati (italiani, quindi ignari della tradizione che stava seguendo) erano tutti fuori ad aspettare l’arrivo della sposa, come da tradizione in Italia.

Per chi dovesse ritrovarsi alle prese con questo tipo di incarichi, ecco i miei consigli:

  • chiedere in anticipo agli sposi il libretto del matrimonio o comunque le letture e le formula scelte
  • concordare con gli sposi esattamente quali parti della cerimonia vogliono che traduciamo
  • verificare la pronuncia dei nomi che compaiono nei testi sacri (apostoli, libri della Bibbia, ecc) nella lingua straniera
  • sarebbe utile imparare a memoria le preghiere più comuni per evitare di leggere sempre dai nostri appunti durante la cerimonia
  • parlare col prete prima dell’inizio della cerimonia per chiedergli anticipazioni sull’omelia e per invitarlo a non parlare troppo velocemente
  • studiare la nostra postazione (sia per quando gli sposi sono seduti, sia quando sono in piedi)

Per chi volesse un po’ di materiale, ecco qualche link:

Infine, ecco il link al mio glossario ancora in divenire italiano-inglese con formule liturgiche relative al matrimonio e altri termini biblici.

Economia sociale: glossario e altre risorse

Oggi vorrei condividere con chi avrà la voglia e l’interesse di leggere questo breve post un glossario e qualche link sul tema dell’economia sociale, oggetto di un convegno in cui ho lavorato la scorsa settimana, sperando che possa essere di qualche utilità per qualche collega.

Innanzitutto per acquisire i concetti base dell’economia sociale consiglio il sito Social Economy.eu.org (in inglese e francese).

Molto probabilmente se in un convegno internazionale si parla di economia sociale si farà riferimento a “Europe for citizens“, il programma dell’Unione Europea che si occupa di questo tema, dunque è secondo me fondamentale leggere le attività previste nel programma e concentrarsi sui numeri (così da evitare strafalcioni del tipo: “Saranno stanziati 300 milioni di euro” tradotto come “Saranno stanziati 300 miliardi di euro”).

In rete ci sono vari discorsi sul tema dell’economia sociale con cui fare esercizio, ma io consiglio questi:

Segnalo inoltre una serie di brevi video ed articoli in francese realizzati dal quotidiano d’oltralpe Libération in occasione della settimana dedicata all’imprenditoria sociale.

Infine, condivido qui con piacere anche il mio glossario in inglese e francese (ovviamente non esaustivo) sul tema dell’economia sociale (cliccare sull’immagine):

 

Glossario_economia sociale

 

Glossario sui cocktail caraibici

Uno dei motivi per cui ho creato questo blog è stata la voglia di condividere risorse con colleghi o con chiunque sia interessato ai temi da me trattati.

Oggi vorrei condividere un glossario italiano-inglese sui cocktail caraibici frutto di un mio recente lavoro di traduzione di un libro sulla storia e sulle ricette di cocktail caraibici (seguiranno maggiori aggiornamenti quando sarà pubblicato in Italia 🙂 ).

Il glossario raccoglie termini relativi a ingredienti, tecniche, materiali, luoghi e più in generale alla storia dei cocktail caraibici. Non vi stupite se troverete anche termini non strettamente legati ai cocktail, come ad esempio quelli relativi alla pirateria o ai ranghi militari, che spesso tornavano nel libro.

Essendo il libro stato scritto da un autore statunitense, nel corso della traduzione ho anche dovuto convertire le unità di misura e per farlo mi sono servita di un fantastico e affidabile sito web che condivido con piacere con voi.

Sono a disposizione per domande, dubbi e (perché no ?) altri termini da aggiungere al glossario. Spero vi sia utile!