Webcam o non webcam, questo è il problema

Anche se da qualche mese a questa parte molti di noi interpreti hanno ritrovato l’ebbrezza di lavorare in presenza con altri esseri umani in carne e ossa, a causa della pandemia, per molti le giornate sono ancora scandite dall’alternarsi delle riunioni sulle varie piattaforme di interpretazione a distanza.

Uno dei cambiamenti più evidenti tra l’interpretazione in presenza e a distanza riguarda la visibilità dell’interprete. Lavorando in presenza, l’interprete è ben visibile, soprattutto nelle modalità dell’interpretazione consecutiva e di trattativa e in questi contesti la presenza fisica dell’interprete è un fattore cruciale, poiché il linguaggio non verbale aiuta a trasmettere il messaggio da tradurre (a questo proposito, in questo post ho trattato il tema della gestualità dell’interprete).

Nell’interpretazione a distanza esiste un modo per garantire la visibilità dell’interprete: basterebbe accendere la webcam, ma è opportuno farlo? Per rispondere a questa domanda bisogna fare innanzitutto un distinguo: si lavora in simultanea o in consecutiva?

Quando si lavora a distanza in simultanea a mio avviso attivare la webcam non è una buona idea perché rischierebbe di distrarre chi ascolta che, per cogliere il massimo della comunicazione, dovrebbe ascoltare l’interpretazione, ma guardare il relatore, in modo da avere accesso a tutti gli aspetti della comunicazione non verbale. Inoltre, relatore e interprete apparirebbero entrambi in video e finirebbero per confondere chi ascolta e magari non conosce perfettamente il meccanismo dell’interpretazione (“Perché ci sono due persone che parlano insieme? E perché ne sento solo uno? Chi dei due devo guardare?”).

Quando si lavora a distanza in consecutiva, il contesto è un po’ diverso perché non si parla contemporaneamente: parla prima il relatore per una porzione di intervento di circa 5 minuti, e poi l’interprete traduce quanto appena detto sulla base dei suoi appunti. In questo caso attivare la webcam potrebbe essere d’aiuto perché evita a chi ascolta 5 minuti di “vuoto visivo” durante la traduzione e perché permette all’interprete di comunicare anche attraverso le famose componenti di comunicazione non verbale di cui si è parlato prima. Tuttavia, è ovvio che apparire in video durante l’interpretazione consecutiva impone all’interprete una certa “disciplina”, in particolare un abbigliamento consono e uno sfondo adeguato (esiste una varietà infinita di sfondi virtuali, oltre che sfondi fisici da attaccare alla poltrona).

Detto questo, come regola generale, a mio avviso la decisione di apparire o meno in video durante l’interpretazione a distanza, che sia simultanea o consecutiva, va ponderata attentamente e soprattutto concordata con il cliente.

Interpretazione simultanea a distanza: 10 consigli per i relatori

A causa della pandemia di Covid-19, negli ultimi mesi moltissimi di noi si sono ritrovati volente o nolente a lavorare da casa, e anche chi non era particolarmente avvezzo alle videoconferenze, ha dovuto imparare velocemente a orientarsi tra piattaforme e strumenti tecnici con cui fino a quel momento non aveva particolarmente familiarità.

Nel caso di videoconferenze multilingui, si fa generalmente ricorso all’interpretazione simultanea a distanza o RSI, di cui ho spiegato il funzionamento nel post precedente. In questo, post vorrei dare alcuni consigli a chi è chiamato a intervenire come relatore in occasione di videoconferenze in cui si farà ricordo all’RSI.

Ma prima una premessa importante: i relatori dovrebbero attenersi a queste indicazioni non semplicemente per rendere la vita più semplice agli interpreti, ma soprattutto per far sì che quello che dicono arrivi nella maniera più completa possibile ai partecipanti per permettere un vero scambio di idee.

Alcune delle indicazioni che dovrebbero seguire i relatori sono le stesse di qualsiasi evento multilingue tradizionale in cui si fa ricorso all’interpretazione simultanea in presenza (di cui ho parlato in questo post), a cui si aggiungono altre indicazioni specifiche per le modalità a distanza.

  1. Mandare presentazione / slide / appunti in anticipo agli interpreti. Pratica sempre gradita, a maggior ragione quando si lavora in RSI, perché, oltre alle difficoltà “normali” si aggiungono quelle tecniche, motivo per cui sapere in anticipo di che cosa parlerà il relatore aiuta moltissimo.
  2. Trasmettere i video in anticipo. I video creano non di rado problemi tecnici, quindi meglio evitare improvvisate: è vivamente consigliato di trasmetterli in anticipo al moderatore per verificare se possono essere visionati durante la videoconferenza, e fare in modo che siano inviati anche agli interpreti, che in caso contrario non potranno tradurne il contenuto.
  3. Scegliere un ambiente tranquillo. Non credo che sia necessario spiegare che non è il massimo intervenire in una videoconferenza con un bambino che urla o un cane che abbaia in sottofondo, e questo né per l’interprete, né per gli altri partecipanti.
  4. Controllare la connessione. Per assicurare uno svolgimento della videoconferenza senza intoppi bisogna poter contare su una buona connessione internet. Se è possibile, è sempre preferibile utilizzare una connessione via cavo. Al contrario, è meglio evitare di collegarsi usando il cellulare come router, tranne in casi di forza maggiore.
  5. Familiarizzare con la piattaforma. Le piattaforme di videoconferenza sono solitamente molto intuitive, ma è sempre meglio dare un’occhiata prima dell’inizio della videoconferenza per essere certi di sapere dove si trovano i comandi principali (accensione di microfono e webcam, condivisione schermo, ecc). Per alcune piattaforme è anche prevista una brevissima formazione per i relatori, che è sempre molto utile.
  6. Accendere la webcam (e posizionarla bene). So bene che alcuni non amano essere ripresi da una webcam o magari non vogliono mostrare l’interno della propria casa per proteggere la propria privacy (in questo caso però è possibile inserire uno sfondo, ad esempio ecco la procedura per chi usa Zoom). Tuttavia, per gli interpreti è molto di aiuto vedere la persona che parla perché le componenti non verbali del discorso concorrono alla trasmissione del messaggio. In secondo luogo, vedere il volto di chi parla è utile anche per i partecipanti che ascoltano la traduzione, perché riescono a capire subito che c’è stato un cambio di relatore, non potendo basarsi sul cambio di voce (che è sempre quella dell’interprete).
  7. Utilizzare cuffie e microfono. Per gli interpreti è fondamentale che la qualità dell’input (ossia il discorso del relatore) sia buona. Per questo è vitale utilizzare delle cuffie con microfono esterno e non il microfono integrato del PC o del cellulare. Quindi va da sé che posizionare un unico PC al centro della stanza con i relatori tutti intorno che parlano a 2-3 metri di distanza vuol dire mettere gli interpreti in seria difficoltà.
  8. Togliere la mascherina. Certo, siamo nel bel mezzo di una pandemia, ma quando si interviene in una videoconferenza indossare la mascherina non è di grande aiuto perché rende l’eloquio meno chiaro. Nel caso ci siano più persone, sarebbe meglio andare in un’altra stanza in modo da non essere più obbligati a portare la mascherina.
  9. Spegnere il microfono quando non si parla. In caso contrario alle cuffie dell’interprete arriveranno, oltre alle parole del relatore, fastidiose interferenze.
  10. Non accavallarsi. Oltre a essere indice di buona educazione, aspettare il proprio turno per prendere la parola durante le videoconferenze multilingui è l’unico modo per far sì che quello che si dice arrivi agli altri partecipanti, perché in caso di sovrapposizioni gli interpreti non capiranno nulla di ciò che viene detto, e di conseguenza non saranno nelle condizioni di poter tradurre nulla.

E voi avete altri consigli?

Interpretazione simultanea a distanza: un primo bilancio

Il Covid-19 ha avuto un impatto enorme su tutti i settori economici, pur con enormi differenze. Per noi interpreti l’impatto è stato devastante, perché il nostro contesto lavorativo standard sono convegni, conferenze o trattative commerciali: la quintessenza degli assembramenti. Fortunatamente però, dopo i primi mesi di stordimento in cui tutto sembrava essersi fermato, è comparsa una luce: l’interpretazione simultanea a distanza, per gli amici RSI (dall’inglese remote simultaneous interpreting).

Pur avendo cominciato a prendere piede ben prima dell’arrivo della pandemia, l’interpretazione simultanea a distanza ha subito una vera e propria esplosione in tutto il mondo solo durante il lockdown. Ma prima di tutto, come funziona? (Chi ne conosce già il funzionamento può saltare il prossimo paragrafo).

Si tratta di una modalità di interpretazione in tutto e per tutto sovrapponibile all’interpretazione simultanea, con la differenza che non avviene all’interno di una cabina insonorizzata installata nel luogo dell’evento, ma attraverso specifiche piattaforme online. In pratica: l’interprete, munito di una cuffia con microfono, si collega tramite un PC alla piattaforma, attraverso la quale sente e vede i relatori come in una normale videoconferenza e a sua volta produce la sua resa nell’altra lingua. Il pubblico ascolta la traduzione dell’interprete collegandosi alla piattaforma con un computer o un cellulare (in questo caso con un’app) e inserendo il codice identificativo dell’evento.

Dopo aver lavorato in queste modalità negli ultimi mesi attraverso varie piattaforme di RSI, in questo post vorrei fare un primo bilancio, mettendo in luce alcuni vantaggi e svantaggi dell’interpretazione simultanea a distanza dal punto di vista dell’interprete.

I VANTAGGI

Lavorare nonostante la pandemia. Grazie all’RSI possiamo continuare a lavorare senza mettere il naso fuori casa, un vantaggio non da poco vista la gravità e instabilità della situazione. Gran parte degli interpreti sono liberi professionisti con partita iva senza entrate fisse, dunque per pagare le bollette dobbiamo fatturare.

Il mondo è mio. Lavorare in RSI ci permette di accedere a incarichi che in presenza sarebbero stati inaccessibili per motivi geografici: non tutti i clienti possono permettersi di e/o sono disposti a pagarci un biglietto per un volo intercontinentale per farci lavorare all’annuale convention mondiale della loro azienda. Invece grazie all’RSI possiamo lavorare il lunedì per un cliente che si trova in Canada e il martedì per un cliente in India senza muoverci da casa. Certo, il fuso orario potrebbe essere un po’ difficile da gestire, ma questo è un altro discorso 🙂

Conciliare lavoro e vita familiare. Personalmente considero la componente dei viaggi uno degli aspetti più belli del lavoro dell’interprete, ma di contro è anche vero che, quando si ha una famiglia, a volte stare tanto tempo lontani da casa può comportare qualche difficoltà. Grazie all’interpretazione simultanea a distanza, questo problema non c’è perché i tempi di trasferta sono azzerati o comunque ridotti drasticamente.

I mini convegni. Dalla comparsa dell’interpretazione simultanea a distanza hanno iniziato a prendere sempre più piede eventi come webinar, seminari o dibattiti dalla durata molto breve, spesso sotto le due ore, pensati per venire incontro ai partecipanti che fanno più fatica a mantenere viva l’attenzione a lungo davanti allo schermo di un PC. In questo tipo di contesti, probabilmente pochi organizzatori avrebbero messo a disposizione il servizio di simultanea in presenza, scoraggiati dai costi, troppo elevanti per un incontro che magari dura solo 30 minuti. Al contrario, l’RSI si presta moltissimo a questo tipo di eventi, tanto che credo che rimarrà la soluzione ideale per questi contesti anche dopo la fine della pandemia.

GLI SVANTAGGI

Problemi tecnici. Intendiamoci: si può fare moltissimo per prevenire i problemi tecnici (usare la connessione via cavo, accedere alla piattaforma tramite il browser consigliato, lavorare con attrezzatura tecnica di qualità, ecc), ma se nonostante gli accorgimenti si verifica un problema, e non è un caso così raro, è molto più difficile risolverlo senza un tecnico presente sul posto. Le piattaforme solitamente forniscono un servizio di assistenza, ma a volte non è sufficientemente rapido.

Il dumping sociale. Come dicevo al secondo punto dei vantaggi, grazie all’RSI possiamo lavorare per clienti di tutto il mondo, ma di contro questo vuol dire che anche i clienti possono avere accesso a interpreti di tutto il mondo senza vincoli geografici e potrebbero decidere che preferiscono collaborare con colleghi che si trovano in zone in cui vengono applicate tariffe più basse delle nostre.

Che solitudine. L’interpretazione simultanea è un lavoro di squadra, ma con l’RSI la dinamica cambia drasticamente. Certamente possiamo comunicare con i colleghi tramite la chat della piattaforma, ma non credo di aver bisogno di spiegare che scrivere su una chat non è come parlare faccia a faccia. Con l’interpretazione simultanea a distanza aiutarsi a vicenda diventa molto difficile e scambiare due chiacchiere durante le pause non è che un lontano ricordo.

Dove sono i relatori? Durante un convegno in presenza avere la possibilità di scambiare qualche parola con i relatori è sempre molto utile perché abbiamo la possibilità di domandare chiarimenti, chiedere presentazioni o semplicemente abituarci un po’ al loro modo di parlare. Con l’interpretazione simultanea a distanza questa possibilità semplicemente non c’è.

E voi che ne pensate dell’RSI come interpreti? O anche come relatori o partecipanti?