Anche i freelance hanno un welfare

E’ tutto vero, non è uno scherzo! Anche i freelance hanno alcuni diritti in fatto di welfare, anche se non tutti i diretti interessati ne sono a conoscenza. Io, ad esempio, non lo sapevo e ho fatto questa piacevole scoperta lo scorso aprile in occasione di TradPro 2019 a Pordenone grazie alla bellissima relazione di Samanta Boni di ACTA.

In questo post vorrei accennare in maniera sintetica e assolutamente non esaustiva ad alcuni dei diritti più importanti che la legge ci riconosce, segnalando fonti molto più autorevoli di questo post per chi volesse fare ulteriori approfondimenti. Ma prima di tutto, una premessa fondamentale: tutto quello che è scritto in questo post si riferisce in maniera specifica ai freelance iscritti alla gestione separata.

Maternità

Partiamo da un lieto evento: la nascita di un figlio. Lo Stato prevede due tipi di congedo: il congedo di maternità e il congedo parentale, proprio come per i dipendenti.

Il congedo di maternità ha una durata di 5 mesi (2+3 o 1+4 in relazione alla data presunta del parto) con un’indennità pari all’80% del reddito medio giornaliero di riferimento, che corrisponde al reddito dei 12 mesi precedenti il congedo di maternità (quindi non dell’anno di calendario), cosa che complica un po’ i calcoli.

Il congedo parentale, invece, ha una durata totale di 6 mesi, frazionabili, ed è possibile usufruirne fino ai 3 anni del bambino. L’indennità per il congedo parentale corrisponde al 30% del reddito medio giornaliero di riferimento (come sopra).

Malattia

Purtroppo la vita non è solo fatta di eventi positivi e purtroppo a volte capita di ammalarci. Anche in questo caso la legge ci fornisce una qualche forma di sostegno. Esistono due situazioni ben distinte: la degenza ospedaliera e la malattia domiciliare.

Cominciamo dalla prima situazione: la degenza ospedaliera. In questo caso abbiamo diritto a un congedo pari a un massimo di 180 giorni nell’arco di un anno solare con un’indennità giornaliera che va da 21,99€ a 43,98€ a seconda dei contributi versati nei 12 mesi precedenti.

In caso di malattia domiciliare, invece, lo Stato ci riconosce il diritto a un’indennità per eventi superiori a quattro giorni, fino a un massimo di 61 giorni nell’arco di un anno solare. L’ammontare dell’indennità per malattia domiciliare corrisponde alla metà di quella ammessa per degenza ospedaliera, sempre a seconda dei contributi versati nei 12 mesi precedenti.

Certo, non parliamo di cifre da capogiro, ma è già qualcosa. E soprattutto è un peccato non usufruire di questi diritti sia dal punto di vista simbolico che economico, visto che una parte delle imposte che paghiamo è destinata proprio a coprire i servizi di welfare previsti per noi.

E per finire, ecco alcuni link utili:

Ha senso per un interprete avere una specializzazione?

Come ho spiegato molte volte in questo blog, per fare un buon lavoro un interprete deve essere un po’ tuttologo e avere la capacità di immergersi con rapidità e disinvoltura nei settori più disparati. Detto questo, anche se con una buona preparazione è possibile riuscire ad acquisire un’infarinatura dell’argomento di un convegno, questo non rende certamente l’interprete un vero esperto di quell’ambito.

Esempio: se mi preparo per un convegno sulla riproduzione delle api, anche se studio diligentemente per due settimane, certamente imparerò i fondamentali, ma non avrò mai la stessa preparazione di un apicoltore che da anni si dedica completamente a quella materia. E se invece l’interprete diventasse un vero e proprio esperto?

In generale ho l’impressione che la questione della specializzazione sia percepita diversamente nel campo della traduzione e dell’interpretazione. Praticamente tutti i traduttori hanno settori di specializzazione, mentre spesso gli interpreti passano con molta rapidità da una tematica all’altra, senza avere un vero e proprio campo di specializzazione. Questa differenza è dovuta soprattutto a ragioni che riguardano la diversa strutturazione del mercato, ciononostante credo che anche per un interprete avere una specializzazione possa essere una buona opzione per svariati motivi. Eccone alcuni.

Soddisfazione della propria curiosità

Solitamente la scelta della specializzazione è guidata dall’interesse personale. Nel mio caso la mia specializzazione principale è il vino, che è anche il mio hobby, e tutte le volte che mi capita di lavorare in questo settore ho l’occasione di accrescere le mie conoscenze in un ambito che mi interessa.

Possibilità di mettere a frutto esperienze lavorative pregresse

Alcuni colleghi sono approdati alla professione dell’interprete dopo aver lavorato in altri ambiti. Se ad esempio un interprete ha lavorato per alcuni anni come chimico, potrebbe essere un’ottima idea proporsi per convegni di quel settore.

Vantaggio competitivo nei confronti di colleghi non specializzati

Riallacciandomi ai due punti precedenti, ne consegue che chi si presenta a un cliente di un determinato settore come interprete con in più un profilo di “esperto” nel suo stesso ambito, avrà molte più possibilità di ottenere quell’incarico rispetto ad un altro collega interprete che non ha mai familiarizzato con quell’argomento.

Ottimizzazione dei tempi della preparazione

Con una preparazione adeguata è sicuramente possibile per un interprete fare un buon lavoro in un settore molto specifico anche senza avere il profilo di un esperto. Tuttavia, possedere delle competenze già in partenza semplifica di molto la preparazione. Esempio reale: la prima volta che ho lavorato ad un convegno medico ho dovuto studiare per settimane perché la medicina non era la mia specializzazione, dunque sono dovuta partire dai fondamentali. Al contrario, chi conosce già il settore perché ha una laurea in medicina, un interesse personale o ha lavorato molte volte come interprete in convegni medici si sarebbe preparato per lo stesso convegno in 3 giorni. E si sa: soprattutto per noi freelance il tempo è denaro.

Maggiore sicurezza

Quando si lavora in un settore di cui si ha una certa padronanza si percepisce una sensazione di maggiore comfort. E’ più raro che ci siano incomprensioni e si riesce a seguire il filo del discorso con meno fatica.

In conclusione, se non si fosse capito, la mia risposta alla domanda posta all’inizio di questo post è decisamente sì: avere una specializzazione per un interprete, pur non essendo obbligatorio come ormai lo è per un traduttore, è certamente un buon investimento.

Bonus: se qualcuno volesse mettere alla prova il proprio livello di specializzazione in un determinato ambito, suggerisco il Turing test di Chris Durban, segnalato da Corinne McKay: riuscite a tenere una conversazione di 10 minuti con un gruppo di esperti di quel settore sembrando uno di loro?

Vale la pena entrare in un’associazione professionale?

Come promesso nel post precedente, oggi vorrei soffermarmi sul tema delle associazioni professionali per interpreti e traduttori. Diversamente dalla maggior parte dei post di questo blog che hanno per titolo una domanda, in questo caso la mia risposta non è “dipende”, ma è chiara e definitiva: assolutamente sì, entrare in un’associazione professionale è un’ottima idea perché i benefici offerti dall’affiliazione superano di gran lunga il costo della tessera annuale.

Premessa: io sono socio aggregato di AITI, ma tutto quello che scriverò in questo post vale anche per le altre associazioni professionali per interpreti e traduttori, che in Italia, oltre alla già citata AITI, sono AIICAssoInterpreti,  ANITI e TradInfo, a cui va aggiunta anche ACTA, il sindacato dei freelance.

Un bel biglietto da visita

Come già spiegato molte volte, non essendoci in Italia un albo per interpreti e traduttori, chiunque può teoricamente definirsi tale senza alcuna necessità di dimostrarne le competenze. Essere membri di un’associazione professionale è un modo per far capire ai nostri potenziali clienti che non siamo chiunque, ma in quanto membri di un’associazione riconosciuta, abbiamo certificato di possedere le qualifiche per poter esercitare la professione in modo serio.

Uscire dall’isolamento

Agli interpreti, ma in misura ancora maggiore ai traduttori, può capitare di sentirsi isolati. Nella nostra realtà quotidiana passiamo molte ore della giornata seduti davanti al PC a tradurre, prepararci a conferenze oppure in cabina. Questa solitudine può farci perdere un po’ il contatto con la realtà e indurci a pensare che la problematica che stiamo affrontando con un cliente sia capitata solo e unicamente a noi, facendoci sentire ancora più frustrati. Essere membri di un’associazione dà la possibilità di avere un confronto con altri colleghi e capire che la situazione che stiamo vivendo è stata già vissuta da qualcun altro (e magari possiamo persino rimediare un ottimo consiglio!).

L’unione fa la forza

Lavorando sul mercato come “battitori liberi”, come la maggior parte dei freelance, interpreti e traduttori non hanno la possibilità di far sentire singolarmente la propria voce in ambiti cruciali come la fiscalità o la previdenza sociale. Riuniti in un’associazione, invece, possiamo fare proposte o reagire ad esse in maniera molto più incisiva.

Formazione professionale continua

Come spiegato in un post di qualche settimana fa, l’arricchimento e aggiornamento continuo delle competenze professionali è un requisito imprescindibile per un buon interprete e traduttore. Essere membri di un’associazione professionale dà la possibilità di accedere a una vasta gamma di seminari di formazione (sia webinar che in presenza) che spaziano dalla traduzione in ambito medico, alla scrittura creativa, alla fattura elettronica… insomma: ce n’è davvero per tutti i gusti. Aggiungo inoltre che per i membri a pieno titolo delle associazioni professionali la formazione professionale continua non è solo un diritto, ma anche un dovere, sussistendo l’obbligo di raccogliere un certo numero di crediti formativi ai fini del mantenimento dell’affiliazione.

Sconti e convenzioni

Un altro beneficio “allettante” derivante dall’appartenenza a un’associazione professionale è la possibilità di usufruire di sconti e convenzioni di varia natura. Ecco alcuni esempi: sconti sui costi di iscrizione a seminari, webinar ed eventi di networking, sconti sull’acquisto di testi e CAT tools, convenzioni con professionisti (commercialista, consulente legale, ecc), sconti su assicurazioni professionali.

Presenza sull’annuario

I membri di un’associazione professionale sono presenti sul sito web della propria associazione, con un profilo che generalmente indica combinazione linguistica, indirizzo email e numero di telefono. Anche se questo non implica automaticamente che la nostra presenza in annuario faccia esplodere il numero dei nostri clienti, può capitare di essere contattati da qualcuno che ha cercato un professionista sul sito della nostra associazione.

Networking

Essere membro di un’associazione e partecipare attivamente alle sue attività offre la preziosa opportunità di incontrare molti colleghi. Dato che il nostro lavoro si basa moltissimo sul passaparola, non è così raro che all’interno della cerchia degli associati qualcuno dei colleghi sia alla ricerca di un interprete o di un traduttore con la nostra combinazione linguistica, o viceversa, può capitare anche a noi di aver bisogno di un collega con una combinazione diversa dalla nostra o in grado di revisionare un nostro testo in una lingua straniera.

Ridiamoci su

Infine, e questa è la mia parte preferita, essere membro di un’associazione vuole anche dire ritagliarci di tanto in tanto un pomeriggio libero per andare a prendere un sano e disimpegnato aperitivo con colleghi simpatici per stare per qualche ora lontani dal PC, non pensare alle fatture e magari farci quattro risate raccontando della nostra ultima gaffe con un cliente.